1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Massiccio giro di vite contro le Ong turche. L'ombra dello stato d'emergenza sulla società civile

CS205 - 22 novembre 2016

Un decreto emesso il 22 novembre ai sensi dello stato d'emergenza ha ordinato la chiusura definitiva di 375 organizzazioni non governative della Turchia

"La chiusura di quasi 400 Ong va inquadrata nel sistematico tentativo in corso da parte delle autorità turche di ridurre definitivamente al silenzio ogni voce critica" - ha dichiarato John Dalhuisen, direttore di Amnesty International per l'Europa. 

"Sono state chiuse associazioni di giuristi contro la tortura, organizzazioni per i diritti delle donne che gestivano rifugi per le sopravvissute alla violenza domestica, centri di assistenza per i rifugiati e gli sfollati interni e anche la principale Ong per i diritti dei bambini" - ha sottolineato Dalhuisen. 

"Alla società civile turca dev'essere permesso di continuare a svolgere il suo prezioso lavoro senza timore di rappresaglie o punizioni. L'azione delle Ong è di vitale importanza soprattutto nel contesto dell'attuale crisi dei diritti umani in Turchia, dove l'evidente abuso dei poteri d'emergenza ha gettato un'ombra su una già devastata società civile" - ha concluso Dalhuisen.

 

FINE DEL COMUNICATO                                                                          Roma, 22 novembre 2016 

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it