1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

  1. Nazanin con la sua bambina© Archivio privato

    Azione urgente Iran: si teme suicidio per una donna britannico-iraniana ingiustamente detenuta

    Nazanin Zaghari Ratcliffe, con doppia nazionalità britannico-iraniano, è una prigioniera di coscienza. Condannata a cinque anni di carcere, ha scritto al marito una lettera in cui annuncia che sta pensando al suicidio.

     
  2. ©Amnesty International

    Appello - L'Italia non neghi il diritto di asilo

    Migliaia di uomini, donne e bambini, in fuga da guerra e povertà, continuano a raggiungere l'Italia in cerca di salvezza. Da settembre 2015, le persone che approdano sulle nostre coste vengono identificate e smistate frettolosamente rischiando non soltanto di allontanamento tramite un ordine di lasciare l'Italia entro sette giorni, ma anche di rimpatrio forzato.

     
  3. ©Amnesty International

    AppelloChiediamo la grazia per Edward Snowden!

    Chiedi al Presidente Obama di concedere la grazia ad Edward Snowden, una persona che ha svelato documenti dei servizi segreti, ma solo per difendere i nostri diritti umani.

     
  4. Zeinab Sekaanvand  © Archivio privato

    Azione urgente Iran: stop all'esecuzione di Zeinab, la sposa bambina

    Zeinab Sekaanvand, arrestata a 17 anni con l'accusa di aver ucciso il marito, potrebbe essere messa a morte da un momento all'altro. Fermiamo l'esecuzione!

     
  5. Berta Cáceres©Amnesty International

    Appello - Giustizia per Berta Cáceres: fermare la violenza mortale contro coloro che proteggono l'ambiente in Honduras.

    A sei mesi dall'omicidio di Berta Cáceres, non abbiamo ancora alcun colpevole. Continuano invece gli attacchi agli ambientalisti in tutta l'America Latina. E' ora di dire basta!

     
  6. ©Amnesty International

    Appello - Verità per Giulio Regeni

    La brutale uccisione di Giulio Regeni ha scioccato il mondo, ma ha anche acceso i riflettori sul metodo delle sparizioni forzate praticato in maniera sistematica oggi in Egitto. E' necessario arrivare alla verità e fermare questa terribile pratica.

     
  7. © Amnesty International/Forensic Architecture

    Appello - Fermare l'orrore delle carceri siriane

    Dal 2011 migliaia di persone sono morte nelle carceri in Siria a causa di torture disumane. È ora di fermare questo orrore!

     

Le Buone notizie

  1. Prigionieri di coscienza - Venezuela 

    Rosmit Mantilla, parlamentare venezuelano del partito  "Volontà popolare", attivista per i diritti delle persone Lgbti e prigioniero di coscienza adottato da Amnesty International, è tornato in libertà il 17 novembre. 

     
  1. I marchi che usano olio di palma beneficiano del lavoro minorile e forzato

    Immagini del 20 settembre 2016 - Un convoglio di aiuti il giorno dopo i bombardamenti ad Aleppo (credit: OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

    I principali marchi mondiali di cibo e prodotti domestici stanno vendendo alimenti, cosmetici e altri beni di uso quotidiano contenenti olio di palma ottenuto attraverso gravi violazioni dei diritti umani in Indonesia, dove bambini anche di soli otto anni lavorano in condizioni pericolose.

     
  1. Immagini del 20 settembre 2016 - Un convoglio di aiuti il giorno dopo i bombardamenti ad Aleppo (credit: OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

    Siria: a rischio i civili dei quartieri orientali di Aleppo

    Il 27 novembre le forze governative siriane hanno preso il controllo di Jabal Badro e Maskaen Hanano, due quartieri di Aleppo est, dove si trovavano ancora almeno 100 nuclei familiari.

     
  2. Diritti umani a Cuba: l'eredità che lascia Fidel Castro

    I risultati raggiunti da Fidel Castro nel miglioramento dell'accesso di milioni di cubani ai servizi pubblici sono stati mitigati dalla sistematica repressione delle libertà fondamentali.

     
  3. Il Bangladesh respinge i rifugiati rohingya verso le punizioni collettive di Myanmar

    Migliaia di rifugiati rohingya in disperato bisogno di assistenza umanitaria e che hanno cercato scampo in Bangladesh dalle punizioni collettive che stanno subendo in Myanmar vengono rimandati indietro.

     
  4. Gran premio di Formula 1 ad Abu Dhabi: i diritti umani restano ai box

    Alla vigilia del Gran premio di Formula 1 di Abu Dhabi, la capitale degli Emirati arabi uniti, la grave situazione dei diritti umani nel paese continua a rimanere nascosta.

     
  5. Yemen, le forze anti-huthi responsabili di attacchi contro ospedali e personale medico di Ta'iz

    Le forze anti-huthi, alleate al presidente yemenita Abd Rabbu Mansour Hadi e alla coalizione militare diretta dall'Arabia Saudita, portano avanti una campagna di minacce e intimidazioni contro il personale medico nella città di Ta'iz.

     
  6. Massiccio giro di vite contro le Ong in Turchia

    Un decreto emesso il 22 novembre ai sensi dello stato d'emergenza ha ordinato la chiusura definitiva di 375 organizzazioni non governative della Turchia.