1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
  1. dona
  2. contattaci
  3. Utilizza la tecnologia RSS per rimanere sempre aggiornato
  4. amnesty.org
 


ricerca avanzata

Contenuto della pagina

Gran premio di Formula 1 ad Abu Dhabi: i diritti umani restano ai box

25 novembre

Alla vigilia del Gran premio di Formula 1 di Abu Dhabi, la capitale degli Emirati arabi uniti, Amnesty International ha denunciato che la grave situazione dei diritti umani nel paese continua a rimanere nascosta.

"Gli spettatori sanno che dietro la facciata scintillante della Formula 1 chi critica il governo viene arrestato e torturato? Che le sparizioni forzate proseguono e le famiglie degli scomparsi trascorrono mesi senza sapere che fine hanno fatto i loro cari? E che oltre 60 prigionieri politici sono dietro le sbarre a seguito di processi iniqui?" - ha chiesto Samah Hadid, vicedirettore delle campagne sul Medio Oriente di Amnesty International.

"Questa esibizione di auto superveloci e di celebrità non è altro che un diversivo alla crisi dei diritti umani in corso negli Emirati arabi uniti. Le autorità dovrebbero concentrarsi sul rilascio dei prigionieri di coscienza e sull'abrogazione delle leggi che criminalizzano la libertà d'espressione" - ha aggiunto Hadid.

"Con la repressione dell'attivismo pacifico, le autorità degli Emirati arabi uniti hanno mostrato tutto il disprezzo nei confronti dell'equità dei processi e dello stato di diritto. Da troppo tempo la comunità internazionale chiude un occhio. In questo fine settimana i diritti umani devono essere al centro dell'attenzione" - ha concluso Hadid.